Archivio annuale 2020

DiGiovani e Comunità

Assunzioni grazie al bando della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Grazie al contributo concesso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca con il Bando 2020-2021 “Lavoro + Bene comune: nuove assunzioni”, la Cooperativa Giovani e Comunità seleziona due persone disoccupate per lavori di piccola manutenzione e cura del verde, nel rispetto della propria mission che prevede, tra l’altro, l’inserimento lavorativo di persone che si trovano in stato di fragilità economica e sociale.

“… Assunzioni a tempo determinato nell’ambito del progetto di Housing Sociale “Abitare Supportato In-Comune”, per offrire a due persone un’occasione lavorativa per lo svolgimento di attività di piccola manutenzione da effettuare negli spazi pubblici, che rappresentano contesti di marginalità. …”

(abstract del progetto)

DiGiovani e Comunità

Auguri per la meritata pensione a Emanuela

La nosttra segretaria, che negli anni ha anche rivestito il ruolo di presidente della cooperativa, col 1 settembre 2020 ha concluso la sua carriera lavorativa entrando a far parte della schiera dei pensionati. Per la cooperativa questo normalissimo evento si riveste di eccezionalità in quanto è la prima socia che arriva al pensionamento per “anzianità” (lavorativa ovviamente).

Per questo motivo domenica 6 settembre tutti i soci e amici della cooperativa si sono trovati insieme per festeggiare con solennità questo evento; per salutare una collega, un’amica che ha condiviso gioie e dolori di questa nostra storia e ne è stata sicuramente un elemento indimenticabile.

Buon riposo Emanuela, da parte di tutta la Cooperativa Giovani e Comunità

DiGiovani e Comunità

Assemblea di approvazione del bilancio 2019

I soci della Cooperativa il 3 luglio 2020 si sono ritrovati per discutere ed approvare il bilancio dello scorso anno.

Grazie alle capacità lavorative dei vari soci anche questo anno il bilancio è positivo, e non solo dal punto di vista economico. Anche se segnato dalla tragedia del COVID-19 questo nuovo anno è provvido di impegni e scadenze a cui i soci non vogliono trovarsi impreparati; stiamo già alacremente lavorando per la gara di Villa Adelasia, che la cooperativa gestisce fin dalla nascita 20 anni fa; l’Housing Sociale si sta ampliando ospitando sempre più persone inviate dai servizi; altre gare si prospettano all’orizzonte che ci permetteranno di confrontarci con sfide maggiori, sempre al servizio degli ultimi e dei dimenticati per la costruzione di una comunità sociale più coesa.

DiGiovani e Comunità

Edicola – Bazar di Marina di Vecchiano 2020

Nonostante l’emergenza COVID-19 anche quest,anno le attività sulla marina di Vecchiano hanno aperto come nel resto d’italia.

Anche l’Edicola-Bazar da noi gestita ha riaperto questa settimana, nel pieno rispetto delle norme sul distanziamento e di igiene la mostra dell’oggettistica del Bazar è organizzata con un percorso guidato nello spazio coperto esterno, mentre l’Edicola era già organizzata per servire il pubblico “in distanziamento” per cui non sono stati necessari grossi cambiamenti.

Vi aspettiamo anche quest’anno con la consueta gentilezza e cordialità.

DiGiovani e Comunità

L’orto di Pozzarello

A Pozzarello di Monsummano (PT); sono ospitati 10 richiedenti asilo, hanno chiesto di impegnarsi in qualcosa di costruttivo in questo periodo di attesa delle decisioni di commissari e giudici sulla loro richiesta di asilo, che vada oltre l’imparare la lingua del paese che li ospita.

Avendo la struttura un po’ di terreno a disposizione gli abbiamo proposto di approntare un orto; hanno accolto con entusiasmo la proposta ed è nato questo orto curato da richiedenti asilo.

Nelle immagini potete vedere l’inizio delle colture ed il loro progressivo avanzamento.

Complimenti a ospiti ed educatori che si impegnano in questo progetto.

DiGiovani e Comunità

Emergenza Covid19

Parafrasando l’hashtag promosso dalle professioni sanitarie che sono in prima linea in questa guerra contro il virus, e senza nulla togliere a coloro che sono gli eroi di questa drammatica vicenda; abbiamo voluto rendere omaggio anche a tutti coloro che pur non essendo in prima linea perchè non a diretto contatto con i malati di covid19, restano però nelle retrovie a sostegno delle prime linee, tutte le professioni che come la nostra sono chiamate ad accogliere persone in comunità, residenze comunitarie, convivenze, ecc.

Non siamo propriamente in prima linea è vero ma dobbiamo assistere coloro che ci sono affidati supportandoli in un periodo in cui il confinamento in una residenza, spesso forzata dalle esigenze della vita, è resa ancor più stressante per la mancanza dei rapporti interpersonali con gli affetti più intimi che devono essere necessariamente filtrati da strumenti tecnologici e la mancanza di uscite personali o di gruppo che possono stemperare i malumori.

A questa situazione di oppressione si è aggiunta la paura per la propria incolumità personale quando per scarsità di reperimento sono venute a mancare le mascherine, allora gli operatori, volontari ed ospiti si dono trasformati in magnifiche “sartine” per produrre un bene necessario per poter continuare a sperare di superare questo drammatico periodo, ritrovando in questa attività unità d’intenti e uno slancio per ripartire con maggior positività.

Oggi che sembra essere arrivato finalmente quel picco che ci dovrebbe far intravedere la discesa e nonostante il rischio di un riacutizzarsi della crisi,  pubblichiamo alcune foto che testimoniano questo piccolo sforzo che è stato tanto importante per la nostra cooperativa, sperando che sia di buon auspicio per poterci ritrovare insieme, fra non molto, a far festa.

# NOI RESTIAMO IN COMUNITA’

# VOI RESTATE A CASA

 

DiGiovani e Comunità

Marcia Interreligiosa per la pace a Massa Carrara

Anche quest’anno la cooperativa ha aderito alla marcia interreligiosa per la pace che si è tenuta a Massa il 2 febbraio. La nostra accoglienza dei migranti è concretizzazione della mission che da sempre ci contraddistingue e che vede al primo posto superare i confini costruendo comunità accoglienti e solidali; l’apertura della riflessione al “conflitto” con la natura è una naturale evoluzione dell’abbattimento dei confini: quando non avremo più confini finalmente guarderemo all’altro non più con timore ma con speranza e questo si concretizzerà anche nella cura dell’ambiente che ci accoglie.

locandina_marcia_pace-2020

“Come ci dimostrano ancora una volta i fatti di questi giorni, se mai ne avessimo avuto di bisogno, i venti di guerra non si placano mai, ed ogni scusa è buona per poter prevaricare con la forza e ottenere un vantaggio soprattutto economico o politico a scapito di vite umane.

Le comunità religiose cattolica, protestante, ortodossa e musulmana, sono da anni impegnate in un percorso comune di dialogo e preghiera per promuovere una cultura della Pace, perché la religione mai e poi mai può giustificare l’uso delle armi, né la Parola di Dio può portare a condotte contrarie alla dignità umana. Al nostro cammino, ogni anno, si affiancano donne e uomini di buona volontà, che condividono gli stessi valori durante la Marcia Interreligiosa della Pace, mediante la quale vogliamo testimoniare a tutta la popolazione il nostro impegno e la nostra volontà. In particolare quest’anno sottolineiamo l’importanza della salvaguardia del creato come strumento per costruire la Pace, perché la Casa Comune che abitiamo sia mezzo di riconciliazione e ascolto; è necessaria una “conversione ecologica”, come ci ricorda Papa Francesco nel Messaggio per la VLL giornata Mondiale della Pace, mediante la quale educhiamo noi e le generazioni future a mettere oggi le basi per il bene del domani.”

(cit da: http://massacarrara.chiesacattolica.it/marcia-interreligiosa-della-pace-02-02-20/)

 

DiGiovani e Comunità

I nostri ospiti all’aperitivo solidale dell’associazione Amani Nyayo

Giovedì 12 dicembre 2019,  l’ass.ne Amani Nyayo ha organizzato un aperitivo solidale presso il Centro parrocchiale di San Anna per sostenere i suoi progetti in Africa e per incontrare e conoscere alcuni ragazzi rientrati da poco da esperienze missionarie. I richiedenti asilo ospitati nelle nostre strutture si sono interessati a questa realtà con la quale abbiamo già collaborato in passato, e hanno voluto partecipare. Ne è nato un momento di scambio e di conoscenza reciproca.